Perché dovresti possedere almeno 0,0025 Bitcoin

E perché il tempo per ottenerli sta scadendo

Image by MichaelWuensch from Pixabay

Questo articolo è una rivisitazione aggiornata / traduzione di “Why You Should Own at Least 0.0025 Bitcoin” di Jason Deane. Ho apprezzato il contenuto così tanto che ho deciso di renderlo disponibile per un pubblico italiano per diffondere ancora più il suo messaggio.

Quando ho iniziato a tradurre questo articolo ovvero alle 10:00 GMT di domenica 22 Novembre 2020, si stima che ci fossero 7.827.122.681 persone sul pianeta secondo worldmeters.com, un indicatore universalmente riconosciuto come il più accurato attualmente disponibile.

Fonte: indicatore della popolazione mondiale fornito da Worldmeters.com

Questo numero è cresciuto di 64.551.593 persone dalla stesura dell’articolo originale, datato 7 Febbraio 2020, e sarà ancora più alto quando starai leggendo questo articolo.

Eppure, è ancora possibile per ognuna di queste persone di possedere un intero dollaro Americano, la valuta concordata come riserva mondiale, e averne ancora trilioni disponibili.

Ma la cosa più sbalorditiva è visualizzare il ticker del debito degli Stati Uniti accanto al ticker della popolazione mondiale, ciò rivela che i dollari USA vengono stampati a un ritmo molto più veloce della crescita della popolazione mondiale e con un margine enorme.

In realtà, questo vale per ogni singola valuta del pianeta, non solo per i dollari.

Tranne, cioè, per Bitcoin.

Analizziamo i numeri: la matematica “semplice”

Non è possibile per ogni essere umano del pianeta possedere un singolo Bitcoin. In effetti, non lo è mai stato. Ci saranno sempre massimo 21.000.000 bitcoin la cui “estrazione” (mining) è iniziata con la sua creazione nel 2009 e finirà nel 2140. In questo momento, sono stati estratti 18.550.975 Bitcoin, circa l’88,338% del totale. I restanti 2.449.025 diventeranno esponenzialmente più difficili da produrre nei prossimi 120 anni.

Molto semplicemente, lavorando solo con questi due numeri (popolazione attuale rapportata ai Bitcoin attualmente disponibili) possiamo dedurre che per diffondere Bitcoin equamente a ogni persona nel mondo, ognuno dovrebbe possedere 0,00268298 Bitcoin. O per farla più semplice, 268.298 Satoshi.

Proprio come usiamo i centesimi per importi parziali di dollari o euro, usiamo Satoshi per importi parziali di Bitcoin. La realtà è che in futuro la maggior parte di noi tratterà solo Satoshi e solo pochissime persone elitarie o molto ricche tratteranno Bitcoin, il suo valore sarà semplicemente troppo alto.

Acquistare tale quantità al prezzo di oggi, circa €15.223 per Bitcoin, ti costerebbe €40,84. In altre parole, una spesa di €41 oggi (considerando un paio di Satoshi in più per essere sicuri) ti garantirebbe il possesso di più Bitcoin di quanto la persona media sul pianeta potrebbe possedere, matematicamente parlando.

Questo è un pensiero sorprendente.

Tuttavia, è anche una semplificazione che esclude deliberatamente una serie di altri fattori, quindi, per ottenere un numero reale, dobbiamo guardare un po’ più a fondo.

La matematica “un po’ meno semplice”

I numeri sopra sono “bloccati” allo stato corrente del mondo. Sì, ci sono ancora 2.449.025 Bitcoin da estrarre, ma ci saranno anche più persone che arriveranno sul nostro pianeta nei prossimi 120 anni.

Le previsioni di crescita per la popolazione globale nel 2140 sono molto varie ma, supponendo che non ci siamo fatti saltare in aria o non abbiamo trovato un altro modo ingegnoso per cancellare la razza umana dalla faccia della terra, dovremmo aspettarci che quella cifra raggiunga i 12 miliardi per quell’anno.

Ancora una volta, usando semplici calcoli matematici, supponendo che tu stia acquistando Bitcoin per i tuoi pronipoti e tutti i Bitcoin rimanenti siano stati estratti con successo, avresti bisogno di 0,00175 Bitcoin per essere al sicuro, o €26,64 se acquistati oggi.

Anche se ciò sembra rassicurante ed economico, ci sono alcune considerazioni extra da fare.

Innanzitutto, c’è un numero significativo di Bitcoin che è andato perso e probabilmente non verrà mai recuperato.

Anche se al momento questo sembra incredibile, dato il loro valore, la realtà è che nei primi mesi dalla sua creazione i Bitcoin non avevano alcun valore ed erano ottenuti molto facilmente. Bastava un normale computer per estrarne, per puro divertimento, centinaia, se non migliaia, e poi semplicemente sono stati dimenticati lì o è stata persa la chiave privata del portafoglio. Senza di essa, non potranno mai più essere recuperati in nessun modo.

Ad esempio, James Howell, un tecnico informatico, residente nel Regno Unito, ha estratto 7.500 Bitcoin nei primi giorni e ha accidentalmente buttato via il disco rigido su cui aveva conservato le chiavi private. Il disco rigido si trova attualmente in una discarica in Galles e Howell ha tentato, senza successo, di ottenere il permesso dal comune per scavare in quella discarica.

La storia di Howell non è insolita. Su internet si trovano moltissime storie di persone che raccontano di come hanno perso i loro primi Bitcoin e, in effetti, succede ancora oggi, anche se gli importi in questione sono, ovviamente, molto più piccoli dato il valore attuale.

Esistono numerosi calcoli per la stima dei bitcoin persi, ma in quanto non è una scienza esatta, non si saprà mai il numero reale. Questi Bitcoin rimarranno per sempre visibili sulla blockchain, sono e saranno “solamente” permanentemente inaccessibili.

Recentemente, una delle mie metodologie preferite, quella di studiare i Bitcoin che non si muovono da molto tempo, ha stimato che tra i 3 ei 3,8 milioni di Bitcoin sono stati persi o sono bloccati. Più o meno nello stesso periodo, Chain Analysis ha prodotto una stima simile, di circa 4 milioni, utilizzando una combinazione di approcci. Sembra che questo intervallo potrebbe essere quello giusto.

Per garantire di avere un importo pari, o leggermente superiore, all’importo medio stimato in precedenza, quindi, dovremmo aggiustare un po i nostri calcoli.

Per prudenza prendiamo il numero più basso di Bitcoin persi invece che il più alto, così da sovrastimare il numero possibile di Bitcoin che ci aspettiamo siano disponibili. Se alla fine scopriremmo che ne sono disponibili di meno, avremmo comunque un numero che ci garantirebbe di essere sopra la media complessiva.

Adeguando queste cifre di conseguenza, ora avremmo bisogno di 0,0022996 Bitcoin per essere certi di avere il nostro importo medio minimo, per un controvalore di €35.

La seconda considerazione è quella delle “balene”. Questo è un termine usato per descrivere persone o organizzazioni che possiedono enormi quantità di Bitcoin poiché ogni volta che ne spostano o vendono alcuni, possono creare schizzi del mercato in una direzione o l’altra. Si stima che circa cinque milioni di Bitcoin siano di proprietà di solo 1.600 di queste balene, molte di loro sono stati i primi utenti di Bitcoin e ancora mantengono strette le loro monete.

Tuttavia, sebbene questo sia spesso citato come un problema di liquidità, questa è una complicazione meno severa di quanto sembri. Al momento, c’è ancora molta disponibilità di Bitcoin e, anche con i dimezzamenti che accadono ogni 4 anni circa, è ancora relativamente facile ottenere tutti gli importi di Bitcoin descritti in questo articolo.

In futuro però, questo non sarà sempre il caso, e sebbene sia vero che queste monete sono rimaste a lungo fuori dalla circolazione, penso sia inevitabile che alcune (se non la stragrande maggioranza) saranno vendute sul mercato quando il prezzo del Bitcoin salirà ancora di più.

Stando così le cose, queste monete dovrebbero essere incluse nel totale disponibile e non escluse.

Conclusione

Quindi vale la pena convertire una parte del tuo sudato stipendio in valuta fiat in Bitcoin e quale importo ti garantirà che finirai almeno con la media calcolata precedentemente?

Sulla seconda parte di questa domanda, possiamo già essere abbastanza specifici anche dopo aver fatto alcune ipotesi su ciò che sappiamo al momento.

Qualunque sia il modo in cui imposti i tuoi calcoli, avrai bisogno di un valore compreso tra 0,00175000 e 0,0022996 per assicurarti di avere almeno l’importo medio per persona sul pianeta. Ciò risulta avere un controvalore in Euro compreso tra €26,64 e € 35 ai prezzi odierni.

Per essere più sicuri ed avere anche un piccolo margine, sceglierei un bel numero tondo come 0,0025, che è più facile da ricordare ma ha anche un prezzo più alto di € 38.

E questo ci riporta chiaramente alla prima parte della domanda: vale la pena farlo?

Non ricordo quando abbiamo iniziato a misurare le spese quotidiane in termini di caffè, ma ora questa è decisamente un trend dei giorni nostri. Con questo spirito, posso confermarti che questa somma di denaro sarebbe sufficiente per acquistere caffè espresso per un mese, rigorosamente al bancone, a un costo medio di €1,20. (invece del tuo Bitcoin)

Oppure potresti comprare poco più di sei birre a Roma ad un costo medio di €6 ciascuna.

Che tua misura preferita sia il caffè, la birra o qualsiasi altra forma di bevanda, sarai daccordo che non è una grande quantità di denaro. Vale la pena rinunciare a qualche caffè al bar o un giro di bevute per assicurarsi una piccola quantità di qualcosa che è, in base alle previsioni, sarà la merce più scarsa al mondo?

Solo tu puoi rispondere a questo. Dopotutto, io sono solo un ragazzo a caso su Internet che vuole presentarti alcuni numeri.

E forse sto seriamente sottovalutando quanto ti piace il tuo caffè.

O la tua birra.

Divulgazione: l’autore di questo articolo e anche il suo adattatore sono entrambi fortemente coinvolti con Bitcoin e altre criptovalute da diversi anni e parlano per esperienza personale. Se sei interessato nelle criptovalute e nelle nuove frontiere della finanza , seguimi su Twitter per molti altri contenuti!

Dichiarazione di non responsabilità: investire in qualsiasi criptovaluta è estremamente rischioso. Quanto riportato in questo articolo non deve essere considerato come un consiglio finanziario, né interpretato come tale. Fai sempre le tue ricerche prima di investire o consulta un professionista del settore.

--

--

Lorenzo Primiterra, The Crypto Nomad

Bitcoin early adopter (2011). Digital nomad. Open source developer. Believe in the freedom of internet. Always looking for that brilliant idea.